Invogliare un bambino a leggere

Il bambino che legge. Il bambino perfetto. Me lo immagino sdraiato sul divano in una domenica di pioggia, mentre divora soddisfatto un libro dopo l'altro. Non chiede di poter giocare alla consolle o al PC né di guardare la TV. Sprofonda semmai beato nel mondo della parola scritta.

All'inizio leggere è però faticoso. Troppe parole. Troppe lettere. Comprendere un'intera frase non è semplice. È una lotta che si combatte parola dopo parola.In questa fase ovviamente la lettura non è (ancora) proprio un piacere. E non è comunque un passatempo che fa per tutti – nemmeno una volta imparato a leggere davvero. Prima di dire no a una determinata cosa sarebbe comunque buona norma cimentarvisi. 

Ma cosa fare per destare l'interesse del bambino nei confronti del meraviglioso mondo dei libri? Come invogliarlo ad addentrarsi di sua spontanea volontà in una storia interamente fatta di lettere e racchiusa tra le due facce di una copertina?

  • Come sempre noi genitori siamo chiamati a dare il buon esempio. Non è naturalmente detto che una mamma e un papà che passano ore e ore davanti alla TV ma desiderano avere un figlio colto non possano vedere esaudito questo loro desiderio. L'impresa potrebbe però rivelarsi un po' più ardua del previsto. Leggete quindi anche voi! E magari parlate dei libri che avete letto.
  • Fintanto che i bambini sono piccoli e non sanno ancora mettere in fila una lettera dopo l'altra sarà bene leggere loro dei libri con regolarità. Così facendo desterete il loro interesse per la parola scritta. Come infatti disse a suo tempo Goethe, la lettura ad alta voce è la madre della lettura. Anche audiolibri e audiostorie sono un valido stimolo.
  • Non occorre propinare subito al bambino l'opera omnia di Goethe. Per gli inizi andranno benissimo dei libri semplici, in particolare quelli concepiti per avviare i bambini alla lettura. Ma si può optare anche per fumetti, libri di barzellette o riviste. Se il testo è troppo impegnativo, la voglia di leggere passerà in fretta.
  • Il bambino non va costretto a leggere. Non fate pressioni e non criticate il suo modo di leggere.
  • Se all'inizio il bambino manifesta qualche difficoltà si può anche leggere insieme. Potete ad es. alternarvi con lui alla lettura e leggere una pagina a testa.
  • Per riuscire a concentrarsi sulle singole lettere o parole all'inizio per il bambino può essere anche utile tenere il segno con l'indice. Fino a quando non è in grado di cogliere le parole intere questo metodo rende la lettura più agevole e meno frustrante.
  • Poiché probabilmente il bambino non ci penserà da solo, prima di partire per le vacanze o per un lungo viaggio in auto o in aereo incoraggiatelo sempre a mettere in valigia qualcosa da leggere. Nel caso il viaggio si riveli noioso, un bel libro è esattamente quel che ci vuole.
  • Chiedete al bambino quali argomenti gli interessano e, insieme, frugate tra gli scaffali di librerie e biblioteche.
  • Un angolo lettura accogliente, ben illuminato e completo di coperte e cuscini è un autentico invito a nozze. 

Nadja, blogger di Hello Family