Maternità – reloaded

Quand’ero in attesa del mio secondo figlio, sono stati in molti a mettermi in guardia, sembrava quasi che volessero spaventarmi. «Aspetta solo che arrivi il secondo e vedrai che vitaccia!», dicevano. Oppure: «Si diventa una vera mamma solo dopo il secondo o il terzo figlio».

Alla fine, devo ammetterlo, sono riusciti a spaventarmi: ero terrorizzata e credevo che non sarei sopravvissuta al neonato e alla sua sorellina. Avrei sicuramente sofferto di una depressione post-parto e non sarei mai più uscita di casa.

Mi sbagliavo. Mi sentii molto in soggezione il primo pomeriggio che dovetti passare da sola con i miei due figli dopo il congedo paternità di mio marito. Anche se alla fine non fu così tragico come temevo: nostra figlia approfittò delle numerose pause tra una poppata e l’altra per farsi leggere dei libri ad alta voce. E mentre cambiavo il pannolino al piccolo lei mi guardava incuriosita da dietro.

Mi resi conto che mi ero calata alla perfezione nel mio ruolo di mamma per la seconda volta e che piano piano tutto stava diventano una routine, perfino gli occasionali attacchi di gelosia della sorellina.

Eppure, chi mi metteva in guardia in qualcosa avevano ragione... Di recente, mentre riordinavo e pulivo casa come una forsennata, mio marito mi ha detto: «Non ti sarai mica messa di nuovo in testa di avere una casa linda e in ordine come se avessimo un figlio solo?». Aveva ragione. Ero stata da poco ospite di amici che avevano un figlio unico e la loro casa mi sembrava impeccabile. 

Per ora ho proprio l’impressione di essere sommersa dalla faccende domestiche. Le montagne di biancheria da lavare raggiungono il soffitto. Oltre a far da mangiare per la famiglia, due volte al giorno devo anche preparare la pappa per il bebè. E due bambini equivalgono anche al doppio dello sporco, come minimo. 

Ogni volta, i preparativi per uscire di casa non durano meno di un’ora. Non chiedetemi perché ci mettiamo così tanto… suppongo centri il fatto che mia figlia ha scoperto quanto le piace girare scalza.

Nonostante questo, care (future) mamme per la seconda volta, mi sento di dirvi una cosa: non fatevi intimorire! La natura ci ha predisposto per essere in grado di accudire più figli. All’inizio non sarà certamente facile stare dietro a due bambini, ma la gioia che procurano ripaga ogni sacrificio.

E credetemi: le cose miglioreranno. Ogni mese che passa i bambini diventano più autonomi e iniziano a interagire e a giocare di più tra loro.

Altri articoli di Deborah