I primi sintomi di gravidanza

Incinta o no? Per chi desidera un figlio non vi è agitazione più grande di quella che precede la presunta data della successiva mestruazione. Spesso le donne che hanno più confidenza con il proprio corpo avvertono i primi sintomi di gravidanza ancor prima di avere in mano l’esito positivo del test.

A partire da quando si può intuire di essere incinte? Quali sono i primi sintomi di gravidanza?

Il test di gravidanza dà risultati attendibili soltanto dopo il mancato arrivo delle mestruazioni. Solo a quel punto, infatti, è possibile rilevare la presenza dell'ormone della gravidanza (hCG) nell'urina. Molte donne, tuttavia, intuiscono di essere incinte ancor prima di sottoporsi a un test. Com’è possibile?

Dopo l'impianto dell'ovulo fecondato – che ha luogo all'incirca a partire dal 7°–10° giorno successivo all'ovulazione – il corpo inizia a produrre la gonadotropina corionica (hCG). Questa prepara l'equilibrio ormonale femminile alla gravidanza ed è responsabile dell'insorgere dei primi sintomi della stessa. Nei giorni successivi la concentrazione di hCG aumenta rapidamente raggiungendo tuttavia livelli variabili da donna a donna. Proprio per questo la percezione dei primi sintomi di gravidanza varia da un soggetto all'altro.

Primi, incerti sintomi di gravidanza

Poiché ogni donna reagisce a modo proprio ai cambiamenti in atto nel suo corpo, i primi sintomi di gravidanza sono piuttosto incerti e soggettivi. Molti di quelli di seguito indicati sono facilmente confondibili con i sintomi che si accusano di norma nella seconda metà del ciclo (sindrome premestruale o PMS) e possono avere cause diverse da una gravidanza:

  • Tensione al basso ventre: i crampi al ventre possono essere rivelatori dell'inizio di una gravidanza. Nel prepararsi a quest'ultima l'utero finisce per gravare sul legamento uterino, il che può risultare doloroso.
  • Lieve spotting: ancor prima della prevista data delle mestruazioni l'impianto dell'ovulo può provocare le cosiddette perdite da impianto.
  • Sensibilità mammaria: un'improvvisa tensione al seno e un'aumentata sensibilità dei capezzoli possono essere sintomi di gravidanza. Il seno, di fatto, inizia molto presto a prepararsi all'allattamento.
  • Forte stanchezza: nelle prime 12 settimane di gravidanza il metabolismo della donna subisce grandi cambiamenti. Questi determinano a loro volta uno stato di stanchezza cronica. 
  • Perdite biancastre: già nella seconda settimana successiva alla fecondazione possono verificarsi delle intense perdite lattiginose, anch'esse sintomo di gravidanza.
  • Minzione frequente: in alcuni casi l'ormone hCG è causa di una minzione frequente a inizio gravidanza.
  • Nausea: ancor prima dell'interruzione del ciclo alcune donne manifestano una particolare sensibilità rispetto a determinati odori o alimenti. Con l'avanzare della gravidanza – in particolare nel 1° trimestre – possono persino giungere a vomitare.
  • Attacchi di fame: alcune donne riferiscono che è stata proprio la voglia incontrollabile di un determinato alimento a far sorgere loro il sospetto di essere incinte. 
  • Sbalzi d'umore: dalla gioia incontenibile alla depressione più profonda – in alcune donne il cambiamento ormonale si ripercuote sullo stato d'animo sin dall'inizio della gravidanza.

I primi sintomi certi di gravidanza

Mentre stanchezza, attacchi di fame e sbalzi d'umore si prestano a interpretazioni errate e non sono necessariamente indicatori di una gravidanza, altri sintomi sono decisamente più attendibili. Tra questi figurano:

  • Interruzione del ciclo: benché non sia raro accusare dei piccoli ritardi, il mancato arrivo delle mestruazioni è generalmente segnale di una probabile gravidanza. 
  • Aumento della temperatura: se dopo il mancato arrivo delle mestruazioni la temperatura basale di una donna sale a circa 37,8 °C mantenendosi a questo livello per almeno 18 giorni, è molto probabile che sia in corso una gravidanza.
  • Areole scure: se le areole appaio più scure e grandi del solito, è quasi certamente in corso una gravidanza. Si tratta dell'ennesimo cambiamento che il corpo della donna subisce in vista dell'allattamento – lo scopo è quello di aiutare il neonato a individuare la fonte di nutrimento.
  • Test di gravidanza positivo: l'esito del test di gravidanza risulta positivo non appena la concentrazione di hCG nelle urine è sufficientemente alta. Perché ciò avvenga può però volerci del tempo, ragion per cui può capitare che persino a distanza di qualche giorno dalla data delle mancate mestruazioni il test dia esito negativo.

Per appurare se siete incinte fissate quindi un appuntamento dal ginecologo non appena avvertite i primi sintomi di gravidanza. Solo una visita ginecologica potrà dissipare qualsiasi dubbio.