Zucchero e sale

Già nei primi mesi di vita i bambini si lasciano conquistare rapidamente dal sapore dello zucchero e più tardi apprezzano anche gli snack salati. Zucchero e sale, tuttavia, vanno consumati solo in piccole quantità e non devono comunque essere presenti negli alimenti per neonati.

Sulle tracce dello zucchero

Ai bambini servono solo piccole quantità di zucchero e sale.

Lo zucchero funge da combustibile per muscoli e nervi. Da bambini assumerne piccole quantità è perciò addirittura importante ai fini di un'alimentazione equilibrata. Ciò vale soprattutto per gli zuccheri contenuti in frutta, verdura e cibi integrali. Se consumato in quantità eccessive, tuttavia, lo zucchero fa ingrassare i bambini e può anche provocare problemi di salute.

Non sempre è possibile identificare a colpo d'occhio quali zuccheri contiene un alimento e in quali quantità. Oltre che in dolciumi e snack, infatti, esso è presente in yogurt alla frutta, dessert, ketchup, cornflakes, müesli e in quasi tutti i prodotti pronti.

Indicazioni sulle confezioni

La maggioranza delle aziende alimentari indica volontariamente sulle confezioni il tenore zuccherino dei cibi. Basta perciò uno sguardo all'elenco degli ingredienti per capire se un prodotto sia ricco di zuccheri o meno. Quanto più in alto è riportato l'edulcorante, tanto maggiore sarà la quantità di zucchero presente nell'alimento.

Lo zucchero, tuttavia, può nascondersi dietro svariate denominazioni e componenti. «Miele», «sciroppo di glucosio», «fruttosio», «saccarosio», «destrosio» e «zucchero invertito» non sono altro che varietà di zucchero. Non eccedete quindi con gli alimenti che ne sono ricchi. Ciò vale anche per quelli non direttamente identificabili come dolciumi.

Sale

I bambini tendono ad assuefarsi rapidamente a un'alimentazione troppo ricca di sale e, anche da adulti, saranno inclini a salare molto i cibi. L'eccessivo consumo di sale, tuttavia, produce un aumento della pressione sanguigna. A seconda della predisposizione personale, l'ipertensione può determinare ictus e infarto. Soprattutto i prodotti pronti sono spesso ricchi di sale.

Zucchero e sale nell'alimentazione dei bambini

I pasti per i bambini non vanno conditi tenendo conto del gusto degli adulti. Le pappe per i neonati non devono contenere sale, zucchero né altre spezie.

Se per noi adulti una pappa così preparata può risultare insipida, ciò non vale per i bambini, le cui papille gustative sono ancora molto sensibili. Poiché le basi delle future preferenze alimentari vengono gettate nell'età neonatale, il sapore dei cibi somministrati ai più piccoli riveste un'importanza cruciale. Se i genitori portano regolarmente in tavola cibi dolci i bambini si abitueranno presto al loro sapore e anche più tardi prediligeranno gli alimenti edulcorati. Per questa ragione anche gli edulcoranti artificiali non sono indicati per i più piccoli. Lo zucchero, tra l'altro, danneggia i denti, mentre gli edulcoranti artificiali possono provocare disturbi digestivi.

Nel quadro dell'alimentazione dei neonati anche il sale è superfluo, se non addirittura dannoso. Fino al compimento del primo anno di vita i bambini non dovrebbero in ogni caso consumare sale, in quanto i reni non sono ancora del tutto sviluppati.

Quanto zucchero
contiene?
Quantità in
grammi
Quantità di
zucchero espressa in numero di zollette (= 3,7 g di zucchero)

Una manciata di
caramelle gommose

50 g

6 pezzi

Una tavoletta di
cioccolato al latte

100 g

15 pezzi

Un barattolo di yogurt alle fragole

150 g

6 pezzi

Un bicchiere di Coca
Cola piccolo

200 g

6 pezzi

Un bicchiere di tè freddo piccolo

200 g

4 pezzi

Una porzione di gelato alla vaniglia

100 g

6 pezzi

Una porzione di müesli croccante con
cioccolato

40 g

3-4 pezzi

Un cucchiaio di
ketchup

20 g

1,5 pezzi