Escursioni con i bambini

Volete esplorare i paesaggi montani con i vostri piccoli? L'ideale per cominciare è una breve escursione. Ma attenzione: coinvolgete i bambini già nei preparativi, date loro il tempo necessario per scoprire la natura che li circonda e non fateli annoiare.

Ingredienti necessari per invogliare i bambini a partire per un'escursione

Di seguito Rolf Sägesser, del Club Alpino Svizzero (CAS), fornisce una serie di consigli utili per fare di un'escursione un'esperienza entusiasmante per i più piccoli, definire un itinerario a misura di famiglia e dotarsi della giusta attrezzatura. 

Organizzare l'escursione

Se coinvolti nella definizione dell'itinerario, i bambini affronteranno l'escursione con maggior entusiasmo e impegno. Tenetene conto delle loro idee per l'organizzazione della giornata. È bene che i bambini abbiano un'idea ben precisa del progetto, che dovrà includere degli elementi che conoscono e apprezzano ed eventualmente presentare dei risvolti avventurosi. Nel parlare con i piccoli servitevi di un linguaggio possibilmente descrittivo («C'è un laghetto dall'acqua di un bel blu profondo dove nuotano i girini»), oppure mostrate loro delle fotografie prese da Internet. 

Tappe e durata

I bambini non sono fatti per le attività monotone, troppo lunghe e ripetitive. È pertanto utile spezzare l'escursione in più tappe, ciascuna delle quali deve essere ben definita e offrire eventualmente la possibilità di sospendere la camminata per intraprendere la via del ritorno. Vanno evitate le escursioni prolungate e con itinerari monotoni. Meglio organizzare una camminata di due ore che offra al bambino nuove scoperte e il tempo per una pausa.

Cosa piace ai bambini?

La natura ha tanto da offrire per una giornata ricca di sorprese in compagnia dei più piccoli. 

  • Laghi, acqua: permettono di sguazzare in allegria, osservare pesci e girini, costruire piccole dighe o barchette e tanto altro ancora.
  • Animali: portate con voi un binocolo per osservarli, cercarli, ecc. È utile anche procurarsi un libro o una app con immagini di animali autoctoni. Osservare gli animali significa imporre ai bambini di fermarsi e attendere con pazienza, ma anche stuzzicare il loro spirito di piccoli esploratori.
  • Piante: armatevi di una lente d'ingrandimento con cui osservare ad es. i dettagli di un fiore. Molti bambini rimangono affascinati dal mondo segreto che si rivela ai loro occhi. Anche in questo caso è consigliabile procurarsi un libro o una app con immagini di piante.
  • Rocce e sassi: osservate rocce e sassi con una lente d'ingrandimento. Per un bambino raccogliere pietre è sempre molto interessante. Potranno ad es. portare a casa i «tre sassi più belli» tra quelli visti strada facendo per poi annotarci sopra il luogo di ritrovamento o usarli per realizzare degli omini di pietra.
  • Pausa di riposo / picnic: se coinvolti nella ricerca di un posto adatto a un picnic, i bambini dimostrano generalmente grande motivazione e impegno. Accendere il fuoco per arrostire del cibo o trovare una roccia su cui sedere è sempre fonte di grande eccitazione. Se poi strada facendo s'incontra un risto-rante, o ancor meglio una baita, la pausa non potrà che essere un successo!
  • Funivia: in montagna le funivie – soprattutto piccole – sono molto diffuse. Servirsene per accor-ciare una salita o una discesa o, più semplicemente, per ravvivare l'escursione, è un'idea gradita a qualsiasi bambino.
  • Varietà: breve o lunga che sia, un'escursione deve in ogni caso offrire un'ampia varietà di esperienze e stimoli. Partire con altre famiglie o portare con sé i bambini altrui è utile ad alimentare l'entusiasmo dei piccoli di casa.
  • Responsabilità: ai fini della buona riuscita dell'escursione è bene ricordare che ai bambini piace essere chiamati ad assumersi delle responsabilità. Non limitatevi dunque a dare ordini o imporre restrizioni e affidate ai vostri piccoli delle mansioni adatte alla loro età: ne saranno orgogliosi! Impegno e coinvolgimento da parte di tutti sono importanti ingredienti di una giornata ben riuscita.

Condizioni meteorologiche / l'attrezzatura adatta

«Il brutto tempo non esiste, esistono solo indumenti inadatti al tempo»: in questo detto si nasconde del vero. Per i bambini stare all'aperto con il brutto tempo è più divertente di quanto si possa pensare. Per-ché allora non esplorare la natura anche sotto la pioggia? Scoprirete animali che difficilmente s'incontrano nelle giornate di bel tempo.

L'essenziale è essere ben attrezzati:

  • Scarpe con suola profilata
  • giacca in Gore-tex (o materiali simili)
  • maglione in pile (se fa freddo)
  • cappellino
  • crema solare
  • occhiali da sole con un'adeguata protezione dai raggi UV
  • zaino confortevole

CAS e Hello Family

Questo testo è stato realizzato in collaborazione con il Club Alpino Svizzero (CAS).